TORNA SOPRA
Slide 7 Slide home 5 Slide 3 slide 2

Premio Ciavò romanò 3° edizione 2017

Premio Ciavò romanò 2017 - terza edizione - ex-aequo a on. Gianni Melilla di Pescara ed a on. Giuseppe Ennio Morrone di Cosenza.

 

Donazioni

Il Vs. sostegno è fondamentale per FRI. Sostieni FRI con un piccolo contributo o una donazione

 

Il cane che abbaia alla luna

Per l'omicidio delle tre sorelle rom a Roma per il rogo doloso del loro camper, Fondazione romanì Italia ha scelto di diffondere la notizia attraverso la propria pagina facebook e chiederci perchè continuano queste tragedie? Perché non riusciamo a fermare questo genocidio?

Nella Capitale, ed in tante altre città Italiane, non è la prima volta che alle comunità romanès accadono tragedie in cui i bambini ed i giovani rom sono le prime vittime.

Nella Capitale da oltre due decenni l'amministrazione comunale spende annualmente diversi di milioni di euro per la gestione di attività per le comunità romanès, e se queste tragedie continuano a ripetersi significa che i progetti e le iniziative avviate non producono benefici, e che sono attivate

Dopo 5 anni di strategia nazionale

Inizio e chiudo questa personale riflessione con lo slogan di Margaret Mead: Non dubitare mai che un piccolo gruppo di cittadini coscienziosi ed impegnati possa realizzare il cambiamento. In verità è l'unica cosa che è sempre accaduta.

Nell'anno 2012 il Governo Italiano approva la strategia nazionale per l'inclusione della minoranza romanì, in attuazione dell'impegno della Comunicazione della Commissione Europea n. 173/2011.

L'approvazione di una strategia nazionale per lo sviluppo socio-culturale della minoranza romanì è un atto politico importante in Italia, in cui gran parte degli enti locali e delle istituzioni, con la collaborazione di associazioni ed attivisti, da diversi decenni attivano iniziative per le comunità romanès con un modello di sviluppo degli interventi che non

Smantellare campi nomadi

Da qualche anno in Italia gran parte del dibattito pubblico sulla minoranza romanì è concentrato sulla volontà di “superare i campi nomadi”, consapevoli del disastro umanitario e culturale che questa scelta politica produce alla minoranza romanì. Tutti dichiarano di voler superare i campi nomadi, ma la realtà mostra molte chiacchiere e zero fatti concreti, tale che spesso si intuisce facilmente che le chiacchiere sono solo di propaganda politica e autoreferenziale. Smantellare la “logica campo nomade” non è solo l’abbattimento di baraccopoli, ma equivale ad eliminare ogni forma di politica segregante-differenziata per le comunità romanès e rendere visibile proposte e soluzioni inserite in un contesto dotato di senso.Per esempio la proposta della micro-area per sole famiglie rom è una soluzione priva di senso perché si tratta ancora una volta

Adesione

Adesione socio FRI anno 2017 - Clicca sul pulsante "Abbonamento" - oppure invia email a: fondazioneromani.italia@gmail.com

Adesione socio FRI

 

Iscrizione alla Newsletter di Fondazione romanì Italia

Foto eventi

Login