TORNA SOPRA
 

HenriGiordan1Il premio "Ciavò romanò" 2016 è assegnato al prof. Henri Giordan (nella foto).

Il premio con la motivazione sarà consegnato il giorno 8 aprile 2016 alle ore 10,00 presso la Sala Bigari del Comune di Faenza (RA) nel corso della celebrazione della Giornata Internazionale della popolazione romanì, evento del programma Festival comunità educante

lI Prof. Henri Giordan (Nizza, Francia, 1937), direttore di ricerca emerito del CNRS - Centre National de la Recherche Scientifique – ha realizzato numerose ricerche e studi sulle lingue e culture minoritarie e sui temi dell'imperialismo linguistico e dei diritti linguistici, prendendo apertamente posizione in favore delle minoranze non riconosciute dalle leggi di tutela, come le minoranze "sprovviste di territorio".

Superando forti resistenze da parte di nu

merose autorità locali, è stato l'autore nel 1982 del primo, storico rapporto ufficiale sulla diversità linguistica della Francia,"Démocratie culturelle et droit à la différence" (Democrazia culturale e diritto alla differenza), presentato al Ministro francese della Cultura Jack Lang.

Tra i numerosi lavori del prof. Henri Giordan dedicati al tema della diversità linguistica e culturale ricordiamo almeno:
"Les minorités en Europe: droits linguistiques et Droits de l'Homme" (Le minoranze in Europa: diritti linguistici e Diritti dell'Uomo), Paris, 1992;

"Les sociétés pluriculturelles et pluriethniques" (Le società pluriculturali e plurietniche), Unesco, 1994;

Les langues de la Méditerranée" (Le lingue del Mediterraneo), Paris, 2002, in collaborazione con Robert Bistolfi

Il prof. Henri Giordan ha avviato numerosi progetti di promozione delle lingue-culture d'Europa e del Mediterraneo, convinto che i diritti linguistici possano esser realmente rispettati solo se la più ampia opinione pubblica è convinta del valore della diversità linguistica.

 

Adesione

Adesione a FRI anno 2018 - Clicca sul pulsante "Abbonamento" - oppure invia email a: fondazioneromani.italia@gmail.com

Iscrizione alla Newsletter di Fondazione romanì Italia